lunedì 20 marzo 2017

TUTTI ALLA STRAMILANO

Foto Antonio Capasso

Una Stramilano da record quella che si è corsa domenica 19 marzo, oltre 6000 partecipanti per una storica e affascinante gara, con l'arrivo nel tempio dell'atletica meneghino, la pista dell’Arena Civica. Solito parterre di top runner nazionali e internazionali che hanno avuto la possibilità di sfruttare il veloce tracciato, stabilendo, per alcuni di loro, nuovi PB. Ovviamente il richiamo è stato forte anche per molti atleti di Città di Opera, che non si sono fatti perdere l'occasione di correre tra le vie della loro città, per lo più in un clima reso festoso anche dai 60.000 appassionati che hanno partecipato alla 10k non competitiva. La giornata era abbastanza calda e la partenza fissata per le ore 11:00 non ha certo agevolato gli atleti, che hanno dovuto correre in condizioni meteo impegnative. Per i nostri otto atleti è stata una Stramilano con molte certezze, alcune sorprese e debutti sorprendenti se pensiamo al tempo di 1h40'52" di Luca Tondolo. Ottima riconferma per il veterano Merando che a dispetto delle 50 primavere fa registrare tempi da ragazzino 1h30'25". Grande personal best per Podlesnik che ferma il crono a 1h46'08" incoronando un'ottima performance, 1h48'53" il tempo ottenuto dalla stacanovista Gagliardi, che nonostante la stanchezza accumulata per le innumerevoli gare portare a termine ultimamente, si dimostra una certezza. Importante anche la prova della Martucci, che a dispetto del poco tempo dedicato a un allenamento propedeutico a questa distanza, tiene il passo, chiudendo in 1h57'10", molto bene Borsetti che torna, a percorrere la mezza dopo più di un anno con un tempo invidiabile 1h51'44", una buona base di partenza su cui ricostruire le prestazioni che gli competono, infine bella prova di Palestri e Orlandi, il primo ha sofferto parecchio il caldo e aldilà di una preparazione accennata ha chiuso comunque in 2h00’45", mentre per il secondo si trattava di un ritorno dopo un lungo periodo d’inattività e siamo contenti abbia terminato appena sopra le 2 h, con 2h00’05". Altri nostri atleti hanno disputato con motivazioni diverse la 10k non competitiva, Clemente ha corso in modo allegro con degli amici, mentre la Dell'Oro ha scelto un ottimo modo per iniziare a macinare chilometri in una cornice appassionante; il giovane Licciardiello che ha corso insieme ai più esperti; il trio Caracciolo, Castaldo, Gangemi; gli amici La Rocca e Lecchi che come nuovi iscritti hanno corso la loro prima 10k in modo egregio.   
Ci piace inoltre sottolineare il trentesimo posto assoluto dell’amico Dario Rognoni, un uomo, un atleta, un esempio per molti di noi.  
 
El Borde
Ufficio Stampa

mercoledì 15 marzo 2017

domenica 12 marzo 2017

CIAO CHRISTIAN


Vogliamo ricordarti così caro Cristian, sorridente e pieno di vita, orgoglioso dei tuoi ultimi 33 chilometri di lunghissimo in vista della tua prima maratona. Vogliamo pensare che da qualche parte il tuo cuore continui a battere forte, mentre le tue gambe determinate si lanciano verso l'infinito. È strano, sapere che su quella strada dove tu cercavi la vita, ti ha incontrato la morte, è strano poter pensare a cosa sia servito ridere, amare, soffrire, se così presto hai dovuto partire. Ma noi vogliamo ricordarti com'eri, pensare che ancora vivi e come allora sorridi.

domenica 5 marzo 2017

FINE SETTIMANA AL LAGO


 
Si è corsa questa mattina 5 marzo 2017, la mezza maratona del Lago Maggiore. Cielo coperto, occhiate di un flebile sole e una temperatura intorno ai sette gradi, questo il clima in cui si è disputata la decima edizione di questo evento che si sviluppa tra Verbania e Stresa. Astrid Gagliardi e Maurizio Nieli si sono cimentati nella mezza maratona mentre Lorenzo Borsetti al rientro in gara dopo un lungo periodo ha scelto la formula 10k. conclusa con tranquillità con un tempo finale di 50’06’’. Il percorso era molto spettacolare quanto impegnativo, con continui falso piani che obbligavano a non abbassare mai la guardia e a tenere sempre le gambe in tensione. Astrid veniva dalla 30 km di settimana scorsa ovviamente non ancora smaltita, motivo per cui il tempo che ha ottenuto, 1h 44,48" con un sesto posto di categoria non può che essere motivo di grande soddisfazione. Per Maurizio questa gara è stata un' altra tappa verso la Milano Marathon, una sorta di allenamento/test da condurre al ritmo di 3’55" al km e così è stato, nonostante un lieve fastidio dovuto a una piccola distorsione nei giorni precedenti, è riuscito a onorare l'impegno, 1h21’49" il tempo finale. 

El Borde

Uff. Stampa

PARABIAGO 10K DA PODIO


È una bella domenica mattina, soleggiata e in odor di primavera quella che accoglie i 700 partecipanti alla Parabiago Run 10k. La rappresentativa di Città di Opera è formata da Andrea Marzoli, Letizia Verna e Andrea Astolfi. La partenza era fissata dallo stadio del rugby, un breve tratto cittadino, poi un veloce segmento di sterrato, poi di nuovo asfalto tra le vie della città, fino ad entrare nella pista dello stadio e ripercorrere un altro analogo giro. Andrea Marzoli puntava a chiudere entro i 50 minuti, veniva da una settimana in cui la schiena non gli aveva dato pace e soprattutto la parte sterrata, tortuosa e densa di pozze d'acqua non lo ha agevolato. Riesce comunque nel suo intento, con un real time di 49’57" e con la consapevolezza che abbassare il vecchio PB, 48’15" è solo questione di tempo. Per Letizia la gara è finita al quinto chilometro, per mancanza dell'allenamento adeguato, ma siamo sicuri che l'avvento della bella stagione favorirà un rapido stato di forma ottimale che la porteranno ad ottenere i risultati auspicati. Infine veniamo al giovane Astolfi, che non smette più di raccogliere soddisfazioni, inanellando uno dietro l'altro tempi e performance da campione. Esegue una gara perfetta, fugge via imprendibile fin dai primi metri e porta sul podio la nostra canotta arrivando 3 assoluto con un formidabile 33’20". 


El Borde
Uff. Stampa

martedì 28 febbraio 2017

LA FORMULA 3 CON IL DO DI PETTO


26/02/2017, siamo a Misano Adriatico, dove si è corsa la sesta edizione del Gran Premio di Misano, un'iniziativa che inizialmente era nata per far conoscere l’autodromo ai misanesi e agli abitanti del circondario ma in poco tempo è riuscita a coinvolgere sempre più atleti, valicando i confini romagnoli e diventando un evento di riferimento nel panorama nazionale, oltre ad essere certificata come gara FIDAL. Anche quest'anno l’autodromo dedicato a Marco Simoncelli si è trasformato in un palcoscenico spettacolare e divertente per oltre mille atleti e tra loro anche i nostri: Francesco Gangemi, Domenico Castaldo e Alessandro Bressani. La possibilità di gareggiare all’interno della pista è davvero molto suggestiva e inconsueta, per una volta la competizione non sarà una corsa alimentata dalla potenza dei cavalli motore ma da quella delle gambe dei runner che si lanceranno sull'asfalto trasudante gioie ed emozioni. I nostri atleti si allenano spesso insieme sulle ciclabili che cingono Opera e per due di loro, Alessandro e Domenico, è stato il debutto assoluto in una competizione ufficiale, mentre al più rodato Francesco è toccato il ruolo di cicerone e apripista. Dieci chilometri su un circuito così veloce sono un' arma a doppio taglio, la voglia di srotolare forza e polmoni sin dai primi metri e la consapevolezza che 10.000 metri sono una distanza che richiede una buona gestione delle forze psicofisiche ha reso impegnativa la performance dei nostri runner, ma il risultato finale li ha premiati meritatamente, facendo registrare degli ottimi tempi, Francesco ferma il suo orologio GPS a 43’31", Domenico chiude in 47’02" mentre appena dietro arriva Alessandro in 48’28".

 

A Salsomaggiore invece… sole e un leggero vento solletica questa edizione della Sojasun Verdi Marathon, la seconda per Astrid, che l'anno scorso disputò la 21 km con un ottimo risultato, quest'anno invece, in proiezione maratona di Parigi, deve mettere chilometri sulle gambe e quale migliore occasione della formula di media lunghezza dell'evento, ossia quegli interminabili e affascinanti dei 29 km che spaccano la natura da Salsomaggiore a Soragna. La partenza è in leggera discesa, il che alleggerisce le gambe provate dai lavori delle settimane precedenti, una leggera flessione centrale e poi barra dritta e sguardo teso all'orizzonte per la piccola energica Astrid che mantiene un ritmo eccezionale 4’57" al km chiudendo la gara in 2h24’28". Un'emozione indescrivibile per lei, rivivere quegli angoli che l'anno passato l'aveva vista timida e piccola esordiente davanti a quei 21 km che sembravano insormontabili, ne ha percorsa di strada nel frattempo quella ragazza dalla faccia un po' così, dall'espressione un po' così, da quel sorriso un po' cosi... la rende inimitabile e che mette in cascina un'altra mirabile prova ...ora Parigi è più vicina.  

El Borde
Uff. Stampa

lunedì 20 febbraio 2017

GRANDE PROVA DEI GEMELLI DIVERSI A VITTUONE


Si è corsa domenica 19 febbraio la Mezza del Castello di Vittuone, dove erano impegnati due nostri atleti con diversi obiettivi. Andrea, correva per qualificarsi ai Campionati Italiani di Cross in programma a Gubbio, Salvatore per verificare lo stato di forma in vista degli impegni stagionali, l'uno nella categoria SM, l'altro negli SM50. Andrea con una folta chioma nera e irta che il suo giovane motore non vede l'ora di far svolazzare più velocemente possibile, l'altro con una lucida sfera colma d'esperienza e forza di volontà, oltre a due gambe che hanno calpestato i palcoscenici podistici più esclusivi del mondo, due atleti così diversi eppure uguali, accomunati dalla grande passione per la corsa e dai brividi che solo una gara può dare. Andrea parte molto bene, riesce a stare attaccato al gruppo dei primi sei per quasi tutto il tempo. Corre in modo sciolto e dinamico, passando ai 10 K in poco più di 33'. L'impresa sembra a portata di mano, manca davvero poco, ma al 17esimo km le gambe iniziano a indurirsi e il passo si rende sempre più meno fluido, impedendogli di chiudere nel tempo utile per qualificarsi, ma facendogli conquistare il sesto posto assoluto con un nuovo Personal Best 1h11'46", ben cinquanta secondi in meno rispetto alla mezza di Lodi. Tenendo conto del poco tempo avuto per la preparazione, il risultato acquisisce un valore ancora più marcato. Qualche metro indietro la nostra "vecchia" volpe Salva si è difeso molto bene, correndo in modo facile e sinuoso, con l'inconfondibile leggerezza della sua sagoma e quella tenacia capace di lasciarsi indietro atleti che la giovane età vorrebbe più agevolati e facendo registrare un tempo davvero eccezionale 1h28'31" aggiudicandosi il 15esimo posto di categoria... per uno che doveva correre in scioltezza, davvero un mirabile traguardo. 

El Borde
Uff. Stampa