lunedì 18 settembre 2017

GLI ALTRI CAMPIONI DI CITTA’ DI OPERA RUNNERS


Sabato pomeriggio nella vicina Rozzano si è disputata una divertente gara non competitiva la Strampallazza giunta alla quinta edizione. Tra le varie formule proposte, nella 4 km hanno partecipato alcuni nostri atleti, Christian Clemente, Elisabetta Dell'Oro e Clorinda Martucci. Il percorso si è snodato lungo il parco agricolo sud e la giornata soleggiata ha reso davvero piacevole l'evento. Pronti via Christian si attacca da subito alla prima giovanissima canotta che cerca a più riprese di creare il vuoto dietro di se senza però mai riuscirci, grazie alla caparbietà del nostro Christian che aspetta sornione il momento opportuno per sfilargli davanti ad un chilometro dall' arrivo tagliando il traguardo per primo in 15’52”. Nelle retrovie Elisabetta che sta cercando di riaffacciarsi in modo graduale alla corsa ha avuto la tenacia e la forza per terminare quei 4 chilometri che fino a ieri sembravano inarrivabili, questo anche grazie anche al grande traino che è stata Clorinda la quale con grande spirito sportivo e d'amicizia l'ha sostenuta e spronata per tutta la gara facendola correre anche ad ottimi ritmi e facendole tagliare il traguardo sotto i 30 minuti. 

 

Per la settima volta a Milano domenica 17/09 si è disputata la Salomon Running,  corsa Urban Trail che si è sviluppata su tre distanze, rispettivamente 9,9 km - 15 km - 25km . Ovviamente ogni percorso prevedeva caratteristiche uniche e particolari , come ad esempio la scalata ai 23 piani della Torre Allianz, per citarne uno su tutti, oltre al passaggio in varie zone Green del capoluogo lombardo. Per Città di Opera nella formula 25k hanno corso Paolo Montisci e Claudio Podlesnik , mentre nella 15k si è cimentato Lorenzo Borsetti. Per Montisci forse la lunghezza risultava un po' troppo azzardata considerato che veniva da un periodo di continui fastidi e allenamenti discontinui, ma la gara aveva un fascino particolare a cui il nostro Paolo non ha saputo resistere e anche in vista di Valencia ha voluto provare i 25k. Parte con accortezza, mantenendo un'andatura costante, intorno ai 4’40” al km per tutta la prima parte che si rincorre tra le stradine del centro storico prima di passare dall'Arco della Pace e iniziare il tratto più complicato che porta alla montagnetta di San Siro con lunghi pezzi in cui si procede in fila indiana e dove le salite costringono ad avanzare con le mani strette sulle ginocchia. Intanto si staglia all'orizzonte la Torre Allianz, si entra curiosi di percorrere tutti quei gradini, curiosità che viene presto diradata dalla stanchezza che obbliga Paolo a salire camminando fino al 23 esimo piano, prima di scendere con più scioltezza e sgattaiolare fuori dal grattacielo, mancano 5 km all'arrivo, distanza che riesce a percorrere in leggera progressione riuscendo a chiudere in 2h15' ben 2 minuti in meno rispetto alla precedente edizione . Anche Claudio si è voluto confrontare con i 25km, una distanza già percorsa l'anno prima, ora però il nostro atleta ha un fisico più allenato e nonostante i crampi comparsi all'uscita dalla torre riesce comunque a tenere botta e concludere con un ottimo risultato, 2h20' , con ben 8 minuti rosicchiati rispetto al vecchio crono, un ottimo viatico per la Mezza della Corripavia. Per Lorenzo invece prima gara dopo l' infortunio di aprile al quadricipite femorale che lo ha tenuto lontano dalle corse per lunghi mesi. Partito con la giusta prudenza si accorge via via che i chilometri passavano senza

sforzo e le gambe giravano bene anche a dispetto delle salite affrontate, questo anche grazie agli allenamenti effettuati alla montagnetta di San siro, così si è potuto permettere il lusso di accelerare nella seconda parte, chiudendo in 1h21’. 

Segnaliamo anche il primo  posto regionale Trial del nostro amico Dario Rognoni.

 

Luca Bordenga
Ufficio Stampa

 

lunedì 11 settembre 2017

PIOGGIA PADRONA ALLA MEZZA DI MONZA


10/09/2017 una data che, giorno più giorno meno ci ha abituati ormai da qualche anno a un appuntamento molto partecipato, la Mezza di Monza che come tradizione ci obbliga a ballare sotto la pioggia. Giornata dalle sfumature londinesi, cielo grigio, temperatura pungente e una pioggia fitta che riempie d'acqua anche il respiro. Nove gli atleti impegnati in questa competizione, Cimenti, Caracciolo, Castaldo, Bressani, Di Meo, Gagliardi, Bordenga e Martucci nella formula 21k, mentre Palestri nella 10k. Partenza sotto una pioggia incessante che non lascia scampo per quasi tutta la gara, oltre 4.000 i runner su cui le gocce scivolavano veloci sul corpo soffiate da un vento impertinente. Cimenti,

aveva da valutare la sua condizione in vista della Maratona di Firenze e l'ottimo tempo ottenuto, con un terzo posto di categoria non lascia spazio a dubbi, il ragazzo c'è!!! 1h21'34" per lui. Grandissima prova anche per il trio
 
Bressani, Castaldo, Caracciolo abituati ad allenarsi insieme nelle ciclabili operesi e avvezzi a condividere anche le fatiche di gare come questa che nonostante le avversità climatiche li porta a conquistare un nuovo PB 1h46'04" per Bressani  1h43'58" e per Castaldo e Caracciolo
che finiscono a braccetto. Per Di Meo e Martucci in previsione della Mezza di Valencia, questa gara è stata una bella occasione per un allenamento lungo con test su condizione fisica e siamo contenti di poter dire che la risposta ottenuta è stata molto confortante soprattutto per la Martucci che ha quasi sfiorato il suo miglior tempo arrivando in 1h53'08", mentre Di Meo taglia il traguardo subito dietro
in 1h54'01”.
Grande prova anche per la

 



Gagliardi che a muso duro conquista, in una delle giornate più difficili per clima e percorso, un nuovo PB 1h41'57" per lei. Infine
Bordenga, che in ottica  Valencia aveva pianificato un buon test lungo con segnali su condizione, ma le cose si sono messe male fin dal terzo chilometro, momento in cui inizia ad avere forti dolori allo stomaco con urti di vomito che lo costringono a diversi stop forzati fino al decimo chilometro, momento in cui il pensiero di abbandonare inizia a fare a cazzotti con la voglia incondizionata di tagliare il traguardo che alla fine ha la meglio, ritmo basso e denti stretti lo portano fino alla fine 1h51’24" per lui.

Nella 10k bellissima gara per Palestri che dopo le ultime uscite poco esaltanti è riuscito a raccogliere i frutti del lavoro svolto alacremente in queste settimane chiudendo in scioltezza con un 46'16".

Un buonissimo risultato ottenuto anche dal prossimo atleta di Città di Opera Andrea Risatti che nella 10k non competitiva ferma il cronometro poco sopra i 43 minuti, direi un bel biglietto da visita. 

 

Luca Bordenga
Ufficio Stampa

MEZZA DI BOLOGNA


Bologna domenica 10/09/2017, sotto la Torre degli Asinelli, il nostro Antonio Pinna ha voluto cimentarsi nella UniSalute RUN TUNE UP 2017 Mezza di Bologna. Pioggia incessante per tutto il tragitto che non ha permesso una performance ottimale alle migliaia di podisti presenti, pioggia che non ha risparmiato nemmeno le ambizioni del nostro Antonio che ha finito senza lodi, ma con una gran voglia di rifarsi a breve nelle competizioni che si presenteranno sul suo cammino verso Valencia. 1h54' il suo crono finale.  

Luca Bordenga
Ufficio Stampa

lunedì 4 settembre 2017

LA 10K DEL CASTELLO E LA MARCIALONGA


Domenica 3 settembre, un altro bel risultato per i nostri colori è stato ottenuto alla maratonina di Castel Rozzone nella formula 10k dall’irrefrenabile Astrid Gagliardi che sotto un sole ancora invadente si è aggiudicata il terzo posto di categoria in 45’26” abbassando cosi il suo personale di 24 secondi. Questo risultato è senza dubbio un buon viatico per gli impegni futuri che siamo sicuri, la vedranno protagonista.

Tutt'altra esperienza quella della nostra giovane promessa Andrea Astolfi che visto il clima ha pensato bene di cercare refrigerio tra le Dolomiti partecipando alla Marcialonga 26 km di tracciato con partenza in quel di Moena e arrivo a Cavalese. Gara tosta, con 200 metri di dislivello che a questo punto della stagione si fanno sentire eccome, oltre ad un percorso molto tecnico dove gli atleti della Val di Fiemme sono stati certamente più agevolati del nostro Andrea che nonostante tutto conclude con un ottimo 1h38'36'' arrivando 27esimo assoluto e sesto di categoria.  

Luca Bordenga
Ufficio Stampa

lunedì 21 agosto 2017

RICOMINCIAMO DA QUI'


Dopo un congruo riposo i nostri Runners riprendo l’attività agonistica nella classica di Monza, dopo le auto di formula 1… i Runners di formula 1. La 21° Mezza di Monza 2017 è una gara organizzata dalla società sportiva Laguna Running, in collaborazione con MG Sport e la consulenza tecnica di Aspes, manifestazione podistica internazionale, inserita nel calendario ufficiale della Federazione Italiana di Atletica Leggera, che si svolgerà domenica 10 settembre, con partenza alle ore 9.30 dalla pista dell’Autodromo Nazionale di Monza. Ci saranno più distanze competitive: 30k, 21k, 10k, mentre le distanze non competitive saranno la 10k e la 5k.

BUONA CORSA A TUTTI !

martedì 8 agosto 2017

ASTRID ARGENTO IN DANIMARCA



Domenica 6 agosto 2017, siamo in Danimarca, precisamente ad Aarhus, importante città portuale della penisola dello Jutland, scelta per i campionati europei  di atletica master 2017. Nelle fila della squadra italiana femminile impegnata nella Half Marathon, insieme a Sonja Martini ( Cambiaso Risso Running Team Genova) e a Denise Tappata' ( Sef Stamura Ancona ) c'era a completare il trio la nostra Astrid Gagliardi ( Città di Opera). Per Astrid un sogno che si avvera, correre una gara internazionale con i colori italiani su suolo europeo, per di piu' al fianco di atlete affermate e dalle quali attingere molti utili dettagli. Inizialmente da questa partecipazione la nostra runner non sapeva cosa aspettarsi, quali scenari immaginare, che tipo di avventura l'aspettasse e se ne fosse all'altezza , ma l'occasione è stata talmente unica che tutto ciò che di preoccupante la testa generasse il cuore lo surclassava entusiasta. Il percorso è stato al quanto impegnativo, cambi di direzione sistematici, salite, discese, tratti di sterrato , san pietrini, folate di vento contrario veramente debilitante e un tasso d' umidità asfissiante. Le gambe della nostra Astrid non hanno girato come al solito ma dove ha balbettato il fisico ci ha pensato il cuore a portarla sempre un passo più in là e a farle tagliare il traguardo con un ottimo 1h 43'50", un tempo che accomunato a quello delle altre due atlete del team Italia è valso la medaglia d'argento. Ora la realtà ha superato il sogno, correre per il proprio paese e vincere una medaglia d'argento, quale miglior trama per questo magnifico film fatto di carne e ossa, spirito e cuore, sorrisi e tenacia, tutte qualità di cui Astrid ha disposto per tutti i  21,097km di questa esperienza incredibile. Queste le parole di Astrid a corbnice di questa avventura  <<Voglio dedicare questa vittoria a tutte le persone che pensano di non farcela, perché se io sono riuscita ad ottenere una medaglia per il mio paese partendo dal nulla ma con grande entusiasmo e voglia di farcela , allora tutti possono realizzare i propri sogni e rialzarsi dalle sconfitte più forti di prima>>. 


Luca Bordenga
Ufficio Stampa

lunedì 24 luglio 2017

LUCIA E L’ETNA…UN’AMORE VULCANICO


La nostra Lucia è da sempre attratta e affascinata da questo gigante dalle mille facce, fatto di folti boschi, paesaggi lunari e sparuti gruppi di case avvinghiati a quella roccia magmatica con la stessa tenacia dei propri abitanti.
E’ la sua Sicilia, la sua terra, il suo Etna, quello che quasi per caso si trova nuovamente a scalare, dopo la maratona con dislivello 3000 metri dell'anno scorso, quest'anno si profila un Trail di 94 km e e 'cosi, senza nemmeno pensarci che si ritrova alle 23.30 del 22 luglio a Linguaglossa 550 metri s.l.m. da dove partiranno quei 129 guerrieri.
l'attesa viene consumata dai racconti di questi super uomini e donne che parlano di ultra maratone  e Vertical come fossero gare di paese, mentre si sente piccola e quasi a disagio a pensare ai suoi allenamenti sulla ciclabile di Opera.
Nessun conto alla rovescia, nessuno sparo rompe il silenzio fitto della notte, solo una raccomandazione tra il serio e il faceto di uno degli organizzatori che spera nel ritorno di ognuno di  loro... partiti.
Le prime cinque ore le corre nel buio più totale col solo fascio di luce delle lampade frontali a illuminare qua e la il fitto bosco, mentre sentiero dopo sentiero si arriva al rifugio citelli (1750 mt) dove gli atleti vengono rischiarati dai primi albori di luce, lo spettacolo è da mozzafiato.
Fin qui tutto bene con un tempo anche considerevole ma le fatiche sono dietro l'angolo e non appena si riparte inizia la scalata al monte Pizzillo  i cui fianchi sono costituiti da terriccio lavico friabile e di difficile presa, per cui ad ogni passo avanti ne corrispondono tre indietro.
Con grande fatica Lucia raggiunge piano Provenzano, il tempo di un rifornimento volante e si riparte verso un cratere spento, arriva praticamente alla bocca di esso gira intorno e riscende verso uno stretto sentiero nel bosco fino a ritornare a quota (1550 mt).
Sono le 13.00, mentre un caldo infernale scalda la quattordicesima ora di corsa resa meno rovente dall'ennesimo salvifico rifornimento, l'ultimo prima di iniziare a risalire verso quota 3000 metri ad appena 50 dal cratere più grande.
Il vento è sferzante, quasi non si riesce a correre, a camminare, ma Lucia non vuole mollare, non può mollare, attinge alle ultime energie depositate in chissà quale angolo della testa e del corpo e si allunga verso la cima, il grosso è fatto, ora inizia la discesa di 20 km per tornare a Linguaglossa dove taglierà il traguardo al 65esimo posto assoluto 12 posizione femminile e al terzo di categoria... la gioia è immensa, lo stupore di aver corso e percorso 94 lunghissimi e durissimi chilometri passando dalla notte al giorno, dal buio alla luce, dal freddo al caldo... da piccolo e timido cerbiatto a rabbioso e svettante lupo del  Mongibello.


Luca Bordenga
Ufficio Stampa